Svago e gioco

Nell’ambito delle attività ricreative si privilegia il gioco come mezzo migliore attraverso il quale il ragazzo può esprimere la propria vita e sviluppare in modo integrale la sua persona. Infatti il gioco favorisce:

  • la socializzazione
  • la responsabilizzazione all’osservanza delle regole
  • le capacità cognitive in generale.

Facendo uso del gioco si vuole aiutare il ragazzo a migliorare ed affinare:

  • le capacità di relazione con gli altri
  • le funzioni motorie
  • la relazione con lo spazio
  • la creatività e la dimensione razionale attraverso un’attività gratificante e perciò non soltanto accettata, ma ricercata e desiderata.

Si propone il gioco come strumento che consenta al ragazzo di mettere alla prova le proprie potenzialità e svilupparle. Mediante il gioco il ragazzo “impara la vita”, impara cioè a muoversi fra gli altri e con gli altri, nello spazio, nel tempo, a ricercare un fine comune e ad interpretare ruoli che, nel futuro, saranno suoi o di altri accanto a lui.

L’attività ricreativa è un momento quotidiano e ordinario nella vita dell’Oratorio. Nella maggior parte dei casi questo momento non è articolato ed organizzato, ma è sempre prevista la presenza di figure educative significative, che interagiscono con i ragazzi per rendere presenti e vissuti i principi educativi che animano l’Oratorio. Vi sono, d’altra parte, periodi e situazioni in cui è l’Oratorio stesso che prevede la realizzazione di momenti organizzati e strutturati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close